Non è un paese per… calciatori gay

Quanti calciatori
gay professionisti italiani conoscete?

La domanda è
provocatoria, la risposta è scontata, ma apre un panorama
inesplorato.

In serie A NON ci sono calciatori espressamente dichiarati.

I diritti LGBT+ NON scendono in campo. Almeno NON in questo periodo storico e NON in Italia.

Coming out? Fine della carriera professionale

Sul tema
discriminazioni in campo sportivo si è espresso Luciano
Ragusa
, presidente
dell’associazione LGBT Il Guado
di Milano:

«Il calcio è uno sport virile dove la fisicità conta moltissimo.
Cosa accadrebbe se un calciatore professionista dovesse fare coming out?
Sarebbe la fine della sua carriera da professionCV ista.
Nello sport professionistico, e in particolare nel calcio, girano troppi soldi.
Vi pare possibile che qualcuno, magari un giocatore di una grande squadra che si è già costruito un nome, decida di perdere tutto rivelando al mondo le sue tendenze omosessuali? Meglio tacere e andare avanti senza problemi».

questa la dichiarazione rilasciata all’Osservatorio Diritti.

Come finì il primo calciatore gay dichiarato

Fu trent’anni fa: era il 1990.
Di coraggio ne aveva a dismisura, ma la mentalità generale era ancora troppo arretrata.
Il calciatore, di nazionalità inglese, era Justin Fashanu.

Decise di
dichiarare le proprie preferenze sessuali e fu terribile.

Nessun sostegno da nessun fronte: suo fratello lo rinnegò, la comunità nera addirittura ritenne la sua dichiarazione «un danno di immagine imperdonabile».
L’atmosfera omofoba che avvolgeva il mondo calcistico lo soffocò: fu accusato ingiustamente di stupro di un ragazzo, senza alcuna prova a suo carico.

Il peso delle
accuse, mosse per reprimerlo, fu troppo pesante e si tolse la vita a
Londra, dopo 8 anni dal comig out.

Una promessa del calcio spezzata a soli 37 anni.

Il supporto di atleti e scrittori

Il 2 maggio 2019 è uscito in commercio il libro di Fabio Canino:
“Le parole che mancano al cuore”.

L’incipit è inequivocabile, parla di un mondo privato che DEVE essere tenuto tale:

Per Matteo l’amore è fatto solo di incontri segreti, ragazzi che poi spariscono nel buio da cui sono arrivati. D’altronde, Matteo è un calciatore di serie A, e “i calciatori di serie A gay non esistono”: lo dicono gli stadi, lo dice la stampa, lo dicono a volte persino certi allenatori. Poi, però, con l’inizio del nuovo anno, ecco arrivare Thiago.

Una conoscenza improvvisa, che
sconfina presto oltre l’ambiente che li circonda e soprattutto oltre
le loro resistenze interiori.

Alla presentazione del libro l’ospite d’onore è stato Marco Tardelli, ex calciatore juventino, campione del mondo Spagna 1982, di fama internazionale.

Le sue
parole aprono un varco alla luce e ci fanno pensare che, forse, prima
o poi, anche la serie A potrà scoprire l’amore in campo:

«Spero, nel tempo, che qualche calciatore possa dichiararsi.
Ma qui, in Italia, è molto difficile.
Spero possa diventare la normalità, che fa paura in quanto tale. Tutto sta nel dirlo, quando qualcuno farà coming out non accadrà niente di sconvolgente»

Marco Tardelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi