Coronavirus: Oltre il 50% annunci in meno sui siti di escort

C’è chi la paragona alla nuova Peste Bubbonica (1347 – 1353). Chi si stupisce di tanto allarmismo (“È solo un’influenza leggermente più grave“). Entrambe le scuole di pensiero hanno comunque dovuto fare i conti con la realtà: le abitudini quotidiane sono cambiate e sarà così per i prossimi mesi.

Non sta a noi giudicare l’operato delle istituzioni.

Si poteva fare di più? Si poteva fare diversamente? Certo è che anche coloro che, mossi da forte senso civico –e per fortuna sono la maggior parte!– hanno accettato di buon grado le imposizioni del Governo al fine di arginare i contagi si ritrovano spiazzati dal dover cambiare radicalmente le proprie abitudini quotidiane, subire limitazioni agli spostamenti e veder monopolizzati i media da quelli che sembrano a tutti gli effetti bollettini di guerra.

Per conoscere, in tempo reale, i numeri del Coronavirus (contagiati, deceduti, guariti) visitare il sito del Ministero Della Salute.

Forse è mancata una sincera e precisa comunicazione ai cittadini sul COVID-19? Sicuramente. Tra psicosi e, vani, tentativi di sdrammatizzare la situazione, ben pochi hanno capito “perché” i legislatori hanno disposto zone rosse, zone gialle, limitazioni agli spostamenti e vincoli al libero movimento delle persone.

Gli Italiani, tendenzialmente, sono un popolo di buon cuore, generoso e rispettoso delle regole.

Tuttavia, l’indole italiota è individualista, poco lungimirante e “furbetta”. Nel momento che non ha la reale percezione del pericolo che rappresenterebbe una pandemia, troverà ogni modo, anche disonesto, per ribellarsi a quella che interpreta unicamente come una violenza del governo al suo libero arbitrio.

Siccome NESSUNO ha spiegato, semplicemente, perché i contagi da COVID-19 vanno arginati anche a costo di limitare la libertà delle persone, lo faremo noi.

  1. Il COVID-19 è un virus “nuovo” (novel virus), di cui si conoscono per sommi capi i sintomi principali, si conosce, più o meno la principale complicanza, ovvero la polmonite virale, ma non si conoscono le eventuali complicanze. Soprattutto, al momento non esiste né vaccino né un protocollo terapeutico valevole per tutti;
  2. Chi contrae il nuovo coronavirus e presenta sintomi rilevanti, deve rivolgersi al Servizio Sanitario. Che è già al limite del collasso. Limitare nuovi casi di contagio significa non affossare del tutto un sistema sanitario che è già in evidente sofferenza;
  3. Il virus può mutare. Già adesso gli scienziati hanno isolato due ceppi del nuovo coronavirus: un tipo “L”, rilevato in Cina, e un tipo “S”, rilevato in Europa. (Fonte: “On the origin and continuing evolution of SARS-CoV-2“. Evitare ulteriori contagi o che le zone di epidemia si allarghino può evitare ulteriori mutazioni del virus;
  4. Anche in totale assenza di sintomi, si può aver contratto il Coronavirus e, ovviamente, trasmetterlo. I più giovani o i più sani potrebbero aver contratto il virus e non rendersene conto. Ma proprio perché “infetti”, muovendosi liberamente potrebbero trasmetterlo a soggetti più deboli. E si torna al punto 2;
  5. Le misure adottate, per quanto edonisticamente risultino antipatiche, sono volte al bene del cittadino, non al suo male.

E sapete chi ha aderito, diligentemente, all’auto quarantena o al limitare il più possibile i contatti sociali? Esatto! Le Escort.

Va da sé. Certi lavori il contatto fisico, almeno un po’, lo richiedono: camerieri, agenti di commercio, personal trainer. Per altri lavori il contatto fisico è intrinseco e requisito essenziale.

Il numero degli annunci di accompagnatrici ed escort, a partire dalla Lombardia, allargandosi a macchia d’olio nel Nord Italia, nel Centro e nel Sud è calato del 50% secondo l’analisi di Moscarossa

Con grande senso di responsabilità, molte delle professioniste dell’intrattenimento, mediamente 1 su 2, si è “tolta” dal mercato, preferendo affrontare l’emergenza sanitaria adeguandosi, ad esempio, alle direttive del Decreto 8 Marzo 2020, che impone una distanza minima tra le persone di 1 metro.

Perché, chiaramente, dalle malattie sessualmente trasmissibili ci si può riparare con un’adeguata protezione (il preservativo!), ma da un virus altamente contagioso (che sfrutta le vie aeree per diffondersi) come il COVID-19 l’unica prevenzione è l’astinenza sociale.

Secondo i dati di MoscaRossa è la LOMBARDIA la regione che ha visto più defezioni dal mercato dell’intrattenimento per adulti:

Riduzione annunci per città

CITTÀ Calo annunci
LODI 91%
MILANO 43%
VARESE 45%
PAVIA 45%
BERGAMO 40%
BRESCIA 39%
COMO 37%
CREMONA 37%
LECCO 30%

La nazionalità delle escort che hanno ritirato il proprio annuncio?

NAZIONALITÀ Percentuale
Cinesi 31%
Italiane 28%
Russe 19%
Sudamericane 11%
Altre nazioni 11%


Strano a dirsi, le Trans sono le inserzioniste meno spaventate dal Coronavirus

Ebbene sì. Le diminuzioni più contenute degli annunci si sono verificate tra le trans (o transex, o shemale).

Meno senso civico? Non necessariamente.

Di certo un minimo di fatalismo in più e un target che poco si sposa con le regole e con le imposizioni del comune pudore contribuiscono ad una sorta di indifferenza alla psicosi imperante in Lombardia, Veneto e, molto presto, in tutte le Regioni d’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi